Continuate a mettervi comodi

Mi sembra tutto strano, guardare dalla finestra di casa e vedere il mare quando fino a dieci giorni prima l’unica vista era un palazzo angosciante e un terrazzo da ansia piena.

Ho cambiato casa, sono andato a convivere con Luana e mi sembra che questo turbillon di novità dell’ultimo anno non si fermi più.

A settembre la prima volta che ci siamo visti, il 16 novembre la laurea, poi da gennaio sono andato a vivere da solo. Di Via Turati già sapete e non mi dilungo su quanto è stato difficile. Abbiamo cercato di comprare casa in questi mesi, non ce l’abbiamo fatta, ma forse è stato meglio così.

Partiamo in affitto e dopo il secondo trasloco in quasi dieci mesi ci stiamo sistemando il nuovo appartamento in base alle nostre esigenze. Anche in mezzo alla nostra imbranattaggine e classica sfiga che ci portiamo dietro. A partire da un tubo dell’acqua che dopo 5 giorni che siamo lì si rompe. Situazione kafkiana (che poi questo kafkian chi è??): valvola interna per chiudere l’acqua nell’appartamento non c’è, l’idraulico buzzurro che insulta i condomini incazzati perchè l’acqua del condominio è stata chiusa. Io con l’ansia, Luana con le lacrime agli occhi. Solo noi.

Poi ci abbracciamo e finisce tutto in una risata, perchè noi siamo così, nel bene e nel male.

Sto meglio ora, ho avuto un periodo nella vecchia casa che non dormivo bene la notte. Troppe preoccupazioni. Il lavoro va bene, a Savonanews si è aggiunta La Stampa, doppio lavoro ma ogni giorno sempre più bello.

Mi sento più sereno e pronto a tornare a scrivere qua. Lo facevo molto più saltuariamente, vuoi perchè il tempo è veramente poco, vuoi anche perchè dopo una giornata a scrivere parole, trovarne altre diventa veramente complicato.

Oggi sono passati tre anni dal primo articolo qua. Sembra una vita fa.

L’aria però è tornata quella di una volta, quella che si respirava in quel sottotetto fatto di bei pensieri, racconti e storie. Di quegli abbaini che da aperti facevano passare la tramontana che scompigliava i capelli e conciliava le idee, gli spiragli di sole che le accendevano. Oppure quando erano chiusi conciliavano il sonno e accarezzavano le pagine di questo magnifico posto.

Tanti auguri Mansarda. Un po’ amica, un po’ confidente. Posto mio ma anche di chi vuole continuare a stare comodo in spensieratezza.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: