Bnj TDF. La Gran Boucle è Pogacar. O si dimostra umano o è già finita sulle “belle ragazze”

O si dimostra umano o il Tour dopo 7 giorni è già finito. Pogacar ieri si è preso la tappa e la maglia in una gara, sì tosta ma che non doveva dare scossoni alla classifica. Invece... Il solito Van Aert ha dimostrato di stare benissimo ma non è chiarissima la tattica della Jumbo che... Continue Reading →

Bnj TDF. Il pavé fa la prima vittima con Roglic, Jumbo in confusione limita i danni

Sapevamo che avrebbe creato scompiglio e così è stato. Tra cadute, forature e fiammate che fanno male, il pavè ha fatto le prime vittime. Una su tutte il capitano della Jumbo Primoz Roglic, caduto, insieme al cocapitano della Bahrain Jack Haig, a causa di un ostacolo toccato da una moto e spostato in mezzo alla... Continue Reading →

Bnj TDF. Che roba Van Aert e la Jumbo. Il Tour si infiamma con l’inferno-pavè

Questa volta Pogacar e la Uae avranno del gran filo da torcere. La Jumbo è una corazzata che fa paura e ieri l'ha dimostrato. Con quell'attacco roboante di Van Aert e dei suoi compagni (solo Roglic è sembrato in difficoltà) hanno dato un segnale forte a questo Tour. Il belga è un fenomeno, non lo... Continue Reading →

Bnj TDF. La carovana saluta una meravigliosa Danimarca. Dunkerque-Calais: è già storia così

Che bella la Danimarca ragazzi. Che passione, che gioia per il ciclismo. Rispetto al passaggio ungherese del Giro di quest'anno ho notato molta più voglia di due ruote, con un entusiasmo alle stelle. Il giorno di riposo per il trasferimento mette un po' di tristezza perché avremo voluto goderci ulteriori scenari affascinanti della terra danese.... Continue Reading →

Bnj TDF. La Quick domina la Danimarca, il vento dà tregua. Velocisti tocca di nuovo a voi

Ma quanto è spettacolare il ponte di Storebaelt? Lungo sì, 18 km, ma non ci si annoia ad ammirare quella striscia di asfalto sospesa sull'acqua. Nella seconda tappa di ieri i tanto temuti ventagli non sono arrivati proprio sul ponte e a parte qualche caduta figlia della disattenzione, sorprese non ce ne sono state. La... Continue Reading →

Bnj TDF. L’uomo che non ti aspetti. Giorno due: occhio ai ventagli

Bonjour Tour de France. Questo il titolo della rubrica che vi accompagnerà nella tre settimane della Grande Boucle di ciclismo. Dopo il buon riscontro avuto con il BuonGiro ho pensato di cimentarmi e immergermi nel racconto della corsa francese. Non aspettatevi precisione sulle tappe come per il Giro ma invasatezza quella sì, certo. L'apertura con... Continue Reading →

BuonGiro. Hindley è il re e Sobrero vola. I promossi e bocciati del Giro 2022

Jai Hindley ha conquistato l'edizione 105 del Giro d'Italia. L'australiano del team BORA-Hansgrohe, partito in maglia rosa con un vantaggio di 1'25" su Richard Carapaz e 1'51" su Mikel Landa, ha chiuso la crono di Verona in 15esima posizione ponendo il sigillo sulla Corsa Rosa. Carapaz e Landa hanno completato il podio rispettivamente a 1'18"... Continue Reading →

BuonGiro. Covi (senza d) rilancia la Uae, Hindley fa sua la corsa rosa, che crollo Cara

Jai Hindley è ad una cronometro dalla vittoria del Giro d'Italia 2022. Dopo tattiche, controtattiche, occhiate, scattini, ce l'ha fatta lui. Grazie ad un lavoro di squadra della Bora silenzioso, ad un Kamna mandato in fuga e poi richiamato per aiutare il suo capitano nel momento clou. A nulla sono serviti il pressing (inutile) della... Continue Reading →

BuonGiro. Il trio è allo stesso livello, le 3 salite finali spariglieranno le carte? Però basta fughe

Sono tutte e tre allo stesso livello. Forti, ma neanche i più forti duellanti che abbiamo visto nella storia del Giro d'Italia. Carapaz dall'alto dei suoi 3 secondi di vantaggio, usa la testa e con la volata finale per un ottavo posto inutile e qualche scattino qua e là ha voluto dimostrare che staccarlo è... Continue Reading →

BuonGiro. Il Covid saluta Almeida e lancia il trio. Kolovrat, Marmolada o mai più

Il Covid rende la sfida meno "attraente"? Forse sì perché in caso di attacco di Almeida con un buon bottino di secondi recuperati, poi la crono, a suo favore, avrebbe scompaginato tutto. Condizionali eh, nulla di più. Fatto sta che il portoghese dell'Uae, che era quarto a 1'54" da Carapaz, lascia la corsa per via... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: