Silvia, Teresa e la quarantena avariata

Due discorsi in uno che portano ad un concetto finale che vi semplificherò fra una quarantina di righe. Ho messo insieme tutti i pensieri di questi ultimi 12 giorni perché scrivere di getto, ora come ora (ma forse sempre), è controproducente. Ci siamo lasciati lo scorso 3 maggio quando parlavamo dei congiunti, tema particolarmente discusso.... Continue Reading →

La memoria di una generazione che non si può cancellare

Non è semplice e anzi risulta scontato parlare del 25 Aprile.  Però è necessario, questo certo. La storia la conosciamo bene tutti (forse) e non ci dovrebbe essere bisogno di raccontare perché festeggiamo la festa più importante del nostro Paese. Non siamo potuti scendere in piazza quest'anno a causa dell'emergenza Coronavirus. Poco male visto che,... Continue Reading →

L’emozione del passaggio sotto casa

"Papà arriva tardi oggi passano i ciclisti, mangiamo". Mia madre usava sempre questa espressione tutti i primi sabati di primavera quando la classicissima faceva il suo sempre speciale passaggio a Celle. Papà posizionato sull'Aurelia insieme ai suoi colleghi fermava il traffico per consentire il transito dei corridori nel nostro comune. Attendendo poi il canonico saluto... Continue Reading →

Tutto questo non è un gioco

Porte aperte, chiuse poi rinvii. Una settimana dopo, a fine campionato. Forse ad agosto nel caso della Coppa Italia. Partendo dal presupposto che parlare ed essere "preoccupati" per il proseguo del campionato di calcio di Serie A in questo momento di emergenza, è veramente da pazzi, facciamo qualche considerazione. La settimana scorsa il big match... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: